Sign In

Remember Me

Perchè al parco?

MOTIVAZIONI: trascorrere una giornata nel Regno dei Mazzamurelli perché …

È sviluppo dell’autonomia.

Gestirsi in percorso sospeso, tra imbracatura e moschettoni e sentire che la propria sicurezza dipende dalla capacità personale di organizzare le varie mosse, è sicuramente una buona palestra per capire che ciascuno di noi ha le risorse per risolvere ed affrontare molte delle difficoltà che incontra.

 

È mettere alla prova se stessi.

Per eseguire un percorso sospeso non è tanto importante possedere una buona preparazione atletica, ma piuttosto la consapevolezza dei propri mezzi e delle proprie potenzialità. Portare a termine il percorso, superando timori e paure, influisce sicuramente in modo positivo sulla propria autostima.

 

È uno stimolante e ricco osservatorio per la dinamica di gruppo.

Il confronto con i compagni e gli stimoli reciproci sono fattori imprescindibili soprattutto nei preadolescenti e negli adolescenti.

Per un gruppo scolastico l’esperienza di trascorrere una giornata nel Parco Avventura può essere l’occasione in cui le dinamiche di gruppo vengono amplificate. Si possono così cogliere importanti spunti di riflessione che sarà possibile trattare con il gruppo durante il corso dell’anno scolastico.

 

È divertimento.

La gita è sicuramente un importante momento di aggregazione per i gruppi classe, che porta con sé un clima di serenità, allegria e voglia di stare insieme divertendosi all’insegna dell’amicizia.

 

È sicurezza.

L’emozione di lanciarsi nel vuoto tra gli alberi, in assoluta sicurezza, apre una predisposizione positiva all’avventura e alla conoscenza più vera di se stessi e delle proprie capacità.

 

È gioco e creatività.

Per completare la giornata è possibile affiancare all’esperienza dei percorsi sospesi anche la sperimentazione di laboratori creativi, ludici, naturalistici, storici, differenziati per ciascuna fascia di età e gestiti da educatori esperti.

 

È natura.

L’ambiente e il contesto in cui si sviluppa la nostra attività è di per sé ricco di stimoli e di fascino. La montagna, il silenzio, il bosco, la natura, sono gli elementi essenziali per aiutare le giovani generazioni a vivere con rispetto l’ambiente naturale che ci circonda.

L’orienteering è un’attività di orientamento calibrata in base all’età dei partecipanti, in cui i giovani suddivisi in piccoli gruppi verranno guidati e stimolati a sviluppare le loro capacità di lettura di una semplice mappa, per orientarsi nella realtà al fine di raggiungere degli obiettivi di ricerca. L’attività si svolgerà nelle immediate vicinanze del nostro Parco, in ambiente libero, con il supporto di esperti.

 

È storia.

Basta una breve passeggiata nel bosco per raggiungere il Castello di San Pio delle Camere, espugnato da Fortebraccio da Montone. Lì, grazie ad una guida, si potranno approfondire aspetti storici che fanno parte del passato del nostro territorio.